Vai ai contenuti

Menu principale:


Misura della Trasmittanza Termica in Opera

La direttiva europea 02/91 sull’efficienza energetica degli edifici e il decreto di recepimento italiano (DLgs. 311/06) evidenziano la necessità della certificazione energetica per: Edifici pubblici e privati di nuova costruzione Edifici interessati da ristrutturazione Edifici soggetti a compravendita e locazione Si pone quindi il problema della conoscenza della stratigrafia delle strutture opache, per il quale risulta spesso indispensabile la misura in opera delle stesse. A supporto quindi della certificazione energetica il nostro Studio Tecnico esegue, su richiesta, le seguenti misure ed indagini: ¨ Misura trasmittanza in sito (ISO9869) ¨ Indagini termografiche UNI 9252 UNI 131187 Queste indagini sono finalizzate a fornire dati relativamente alla struttura ed in particolare nei casi in cui non sono disponibili le informazioni di progetto ed impianti indispensabili per il calcolo della trasmittanza termica ai fini della certificazione energetica.

L’approccio per il calcolo della trasmittanza termica può essere “numerico” oppure “sperimentale”. Il metodo numerico, in assenza di una conoscenza dettagliata del pacchetto murario, richiede un’analisi invasiva per mezzo di carotaggio o indagine endoscopica. Il metodo sperimentale consente la misura della trasmittanza in sito, tramite l’applicazione di un termoflussimetro e di sensori di temperatura: questa metodologia consente di ricavare dati di ottima affidabilità, per una valutazione del valore di trasmittanza (U), in tempi e costi contenuti. La misura della trasmittanza in sito risulta comunque raccomandabile anche nel caso siano disponibili le informazioni relative al progetto: tale metodologia permette infatti di calcolare con costi, impatto e tempi ridotti, un valore sperimentale della trasmittanza, evitando errori dovuti alla mancanza di coerenza tra il progetto e realizzazione dello stesso. La valutazione della trasmittanza può essere preceduta da un’indagine termografica, per una migliore conoscenza della struttura e un’ubicazione più accurata delle successive indagini, in una porzione della parete che sia rappresentativa della situazione reale.

Ovviamente, prima di procedere con la misura in opera della trasmittanza termica, si opera un'indagine termografica con lo scopo di identificare la porzione di muratura che abbia una omogeneità nei vari strati che compongono la stratigrafia della partizione da analizzare (infatti non avrebbe senso posizionare le sonde ed i sensori del termoflussimetro in corrispondenza di un ponte termico ovvero dove ad esempio dove a causa di un'errata messa in opera del materiale termo-isolante via sia mancanza dello stesso all'interno della partizione medesima (zone prive di materiale isolante).


Torna ai contenuti | Torna al menu